Quando il gioco si fa duro…

sweetE adesso si fa davvero sul serio, non si scherza più.

Non che prima scherzassi, eh. Non avrebbe avuto un gran senso, altrimenti, il viaggio a Edimburgo per il casting, e le decine e decine di email per mettere a punto il percorso per l’iscrizione al Fringe. Però, ecco, finchè non si arriva al punto di non ritorno, diciamo così, si pensa sempre di potersi fermare, o che all’improvviso il sogno finisca e ci si svegli sbattendo la faccia contro il muro della stanza.

Ma nel giro di una settimana sono successe tre cose.

Innanzitutto, sul sito del Fringe è apparsa la pagina della vendita online dei biglietti per lo spettacolo. Eccola qui. E quindi non è più uno scherzetto innocente, magari qualcuno ha già comprato il biglietto e non vede l’ora che arrivi il giorno dello spettacolo, per cui bisogna soddisfarlo, eh già!

Poi, Sara ha terminato di creare il volantino/manifesto dello show. Ed è venuto proprio una gran bellezza, con la stilizzazione delle sagome di Sgt Pepper’s, il titolo “A life with the Beatles” al centro, come fosse scritto sulla batteria di Ringo, e la sagoma di Neil dietro, quasi a vegliare sui 4 “boys”, profeti di una nuova umanità ma anche giovanissimi adulti alle prese con un giocattolo assai più grande di loro. Un logo che mi piace un bel po’, e che da solo riesce a spiegare gran parte dello spettacolo, secondo me.

Ma il meglio viene se lo si gira. Continua la lettura di Quando il gioco si fa duro…

A Edimburgo (passando da Londra) per il casting

Il tragitto più breve fra due punti, si sa, è una retta. Ma se un po’ più in là c’è Londra, della brevità possiamo anche fregarcene, no? (Oltre al fatto che i voli diretti Milano-Edimburgo già ora costano un botto!) E dunque: dopodomani mattina, su uno sciallatissimo British Airways Linate-Heathrow venuto via a meno del biglietto di un qualsiasi concerto al Forum di Assago, volerò nella City, per poi il giorno dopo traghettare su Edimburgo a bordo di un placido treno inglese in partenza da King’s Cross. Ah, e la brughiera! Ah, e la dolce e verde campagna  british. Ma già so che dopo Newcastle si sveglierà il Braveheart che è in me, e ricomincerò a sentire odore di Scozia, la mia seconda patria.

Continua la lettura di A Edimburgo (passando da Londra) per il casting

Un italiano al Fringe: La versione di Neil

la versione di neil sms fringeEcco. Sabrina ha ricevuto il sms che attendeva, e me lo gira. Siamo iscritti al Fringe. Quel che fino all’altro ieri era una simpatica boutade, adesso è realtà. Non che sia meno folle, ma almeno è vero: dal 6 al 31 agosto La versione di Neil, il mio spettacolo sui Beatles raccontati da Neil Aspinall, calcherà il palcoscenico della sala International 2 della Sweet Venue, nel centralissimo Grassmarket, durante il prestigioso e incasinatissimo Fringe Festival di Edimburgo. Con il titolo mutato in A life with the Beatles, renderà omaggio al mito dei Fab Four e al loro silenzioso, e preziosissimo, road manager
Continua la lettura di Un italiano al Fringe: La versione di Neil